Questo forum utilizza i cookies
Questo forum fa uso di cookie per memorizzare le informazioni di login se sei registrato, e la tua ultima visita se non lo sei. I cookie sono brevi documenti di testo memorizzati sul tuo computer; i cookie impostati dal forum possono essere utilizzati solo su questo sito e senza rischi per la sicurezza. I cookie su questo forum possono anche monitorare gli argomenti specifici che hai letto e quando li hai letti. Si prega di confermare se si accettano o si rifiutano le impostazioni di questi cookie.

Un cookie viene memorizzato nel browser indipendentemente dalla scelta agita per evitare che sia ripetuta ancora una volta la domanda. Sarai in grado di modificare le impostazioni dei cookie in qualsiasi momento utilizzando il link a piè di pagina


Il carro del vincente
#1
connect_creating 
Bizzarro popolo gli italiani. Un giorno quarantacinque milioni di fascisti. Il giorno successivo quarantacinque milioni tra antifascisti e partigiani. Eppure questi novanta milioni di italiani non risultano dai censimenti”. La locuzione sopra citata, pronunziata da Winston Leonard Spencer Churchill, sintetizza e descrive con accuratezza universale chi siamo realmente noi italiani.

I recenti avvenimenti dell’italica penisola introducono, nell’agone politico, un gagliardo giovanotto che prontamente ha indossato il saio del profeta. Come abbia fatto è storia nota, così come le eminenze grigie alle quali deve dar di conto e adoperatesi affinché il lavacro elettorale lo restituisse al popolo mondato da peccati ed indecenze, soprattutto assolto per quanto inerente le Idi di Marzo in chiave Lettiana che lo hanno portato a Palazzo Chigi. Circondato da un nugolo di vestali belle a vedersi, di grande effetto scenico, la mezza calzetta incarna un potere putrescente, ammuffito, declinato però in salsa New Age, che si ricicla nell’espressione di uno scudo crociato divenuto ormai come l’Araba Fenice, alla guida di un carro nel quale si è adagiata tanta gente, compresi  i duri e puri che invocavano, per costui, fustigazione, peste e corna.

Dopo aver gettato frettolosamente a mare i resti dei perdenti ed in preda a reiterati rigurgiti di sincera compunzione, i benefattori del Bel Paese rimangono fulminati sulla via di Firenze, stessa sorte per i rappresentanti dei poteri forti con caste a rimorchio (giornalisti in primis) e chiesa al seguito. Una trasformazione sbalorditiva ed altrettanto rapida che non deve però sorprendere oltremodo, la diagnosi di Winston ci preserva da eventuali sconquassi apoplettici, d’altronde siamo un popolo che è riuscito ad entrare in guerra all’ombra della svastica per poi concludere le ostilità sottobraccio a Dwight Eisenhower: amici del nemico e nemici dell’amico asseriva il mai troppo compianto Indro!

Non ci si stupisca quindi di tali scelleratezze, è risaputo che la moltitudine sceglie comunque Barabba, instradando puntualmente sul Golgota la controparte: il potere ha fatto tesoro di quanto accadde duemila anni orsono alla corte di Ponzio Pilato, proponendo, ciclicamente, un nuovo Barabba, nel caso specifico con accento toscano, prodigo di promesse, piglio battagliero, pronto a guarire i mali che affliggono il popolo, così come vent’anni orsono il capo della banda dei predoni di Arcore col quale intrattiene cordiali, proficui e occulti rapporti.


Rientrando nei parametri di accrescimento demografico agiti dal buon Winston possiamo affermare che attualmente, anno del Signore 2016, la popolazione della Cina, paragonata a quella italiana potrebbe essere definita alla stregua di una tumultuosa scolaresca con qualche discolo in esubero!

[Immagine: No.png]
Rammentatevi di quanto sopra esposto quando vi recherete alle urne per votare il referendum costituzionale: uno smisurato imbroglio perpetrato in danno al popolo italiano quando il bulletto di Firenze, alle elezioni europee, incassava il 40% dei consensi a fronte di un’esigua minoranza recatasi alle urne ed abbagliata da una mancetta elettorale pari ad 80 euro. Sopraggiunse allora la megalomania che lo portò a commettere un errore sesquipedale: la modifica della Costituzione e la legge elettorale, all’interno di un meccanismo in grado di garantire il potere alla banda per almeno altri trent’anni. Non pago di tale imbecillaggine ha voluto, in una sorta di delirio dell’onnipotenza, trasformare il pasticcio in un plebiscito riguardante la sua persona. Le randellate inflittegli dal Movimento 5 Stelle alle amministrative lo hanno riconsegnato a miti suggerimenti.


Votiamo NO, senza indugi, a maggior ragione, instradiamoli sulla via che conduce a casa loro. Per sempre! 

http://www.iovoto.no/
#2
gnome_apps2 
Salve Mariano
non fa una piega, complimenti per l'articolo che condivido senza se e senza ma votiamo assolutamente NO Tongue
#3
mix_audio 
Saludamoso
considerazioni sacrosante e ottima l'idea di creare una sezione apposita dove far sentire la nostra voce; la voce di chi dissente da questa porcheria e da questo governo che non è stato eletto da nessuno Angry Angry Angry 
Votiamo NO
#4
Gaim 
Chiaramente d'accordo senza esitazione o indugio Smile
#5
Gimp 
Ciao a tutti
articolo delizioso come al solito e mi trova d'accordo su tutto NO secco
#6
Bell 
Che personaggio indecente e antipatico NO a prescindere, mandiamolo a casa Angry Angry Angry
#7
kfm_home 
Condivido in pieno il pensiero di Giovanni è stata una bella mossa mettere tutto insieme in una sola sezione così possiamo dire la nostra su questi usurpatori; gli spiaccichiamo un bel NO a prescindere, volevi il plebiscito? Ti accontentiamo il 4 Dicembre Angry Angry Angry
#8
Agent 
Mi associo senza riserve Shy
#9
kblackbox 
Volevi il plebiscito rottamatore da quattro soldi, ti accontentiamo e andiamo a votare per mandarti a casa e per dire no a una riforma che fa schifo Angry Angry Angry
#10
bookmark 
Speriamo che la gente non si faccia ingannare dalle menzogne di questi ciarlatani non eletti dal popolo Angry Angry Angry


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 2 Ospite(i)